Day 1: Milano - Phoenix

POSTED IN West USA 2011 Tags USA, West USA, viaggi

Il programma...

Distanza da percorrere oggi: 5.861 miglia in volo + 12km (Tempo in auto circa 20')

Ed eccolo qui il mini-programma del nostro primo giorno di viaggio, o almeno la bozza che guiderà poi i nostri spostamenti veri e propri.

Partiremo da Malpensa alle 12:00 con British Airways, facendo scalo a Londra. L'atterraggio all'aeroporto di Phoenix è previsto intorno alle 17:10 ora locale.. quindi le 2 di notte in Italia. 

Dopo quasi 13 ore di volo (5.861 miglia) saremo finalmente nella terra dello zio Sam! (o almeno dovremmo :) )

Ritireremo l'auto e ci dirigiremo nel più vicino negozio T-Mobile a comprare una SIM.

Ho letto sul loro sito che con 80 Dollari dovremmo avere 2GB di traffico dati, chiamate e messaggi nazionali e verso l'Italia e altri 49 Paesi senza limiti e senza obbligo di abbonamento. Speriamo! Ci tornerebbe davvero utile per usare il telefono come GPS, per aggiornare il blog e per.. chiamare mammà :)

La tappa successiva sarà l'hotel Knights Inn di Phoenix, dove finalmente riposeremo le nostre stanche membra, anche se per rimetterci in pari col fuso dovremmo farci violenza e resistere svegli almeno fino a dopo Carosello :) Vedremo se l'idea di metter qualcosa di.. insano sotto i denti servirà allo scopo :)

P.s. Cliccando sui simbolini presenti sulle mappe avrete qualche info in piú :)

 

.. ed ecco come è andata...

Ecco i nostri eroi pronti alla partenza!!!

Pronti Partenza Via!

Il battesimo dell'aria di Beppe

Ce l'abbiamo fatta!! Nonostante i sudori notturni ante-partenza di tutta la famigghia, entrambi gli aerei ci hanno serenamente portati a destinazione.. e che aerei azz.. un bestione di 747 da Londra a Phoenix, senza nemmeno un posto libero che uno si domanda come può un gigante del genere essere poi così leggero in aria. Sull'ala ci stava tranquillamente tutto il mio appartamento!! 

747 Londra-Phoenix

Incommensurabile l'emozione di Beppe al suo battesimo dell'aria, specie appena alzati da terra, sorvolando casina, immaginando mamma col naso all'insù.. immaginandola ovviamente verde in viso :)

Beppe volante

Ovviamente il neofita del volo si è accaparrato il finestrino per tutto il viaggio.. lasciandomi seduta nel posto centrale stile sardina e dicendomi ogni 3 secondi "Oh.. va che bello lì!".. e chi azz lo vedeva "lì" seduta dov'ero? :) Impagabile la vista sulla Baia di Hudson gelata.. da 11500 mt di altezza (n.d.Beppe).. per il resto c'è Mastercard!

In volo sulla Baia di Hudson

Il servizio di British Airways ci ha lasciati piacevolmente stupiti, molto presenti, ci hanno rimpinzato per bene!

La cena a bordo

Abbiamo pure mangiato una deliziosa paella accompagnata da vino rosso :) .. forse era buonissima per la fame.. o forse l'effetto del vino in quota ci ha alterato le papille gustative.. sarà.. ma l'abbiamo divorata in tempo zero e Beppe mi ha fatto pure il bis di dolce (ovviamente scofanandosi il mio).

I veri alcolisti non temono l'altitudine!

Avvicinandoci a Phoenix sono finalmente riuscita a soffiare il posto finestrino approfittando di un bisogno fisiologico di Beppe, che solo in questi casi scollava la faccia dal finestrino e ho visto cose che voi umani... che brividi passare sopra il Grand Canyon, vedere distese deserte erose dalla mano estrosa del tempo.. nemmeno un genio come Gaudì avrebbe potuto immaginare tali scenari.

In volo sull'Arizona

Il bestione volante finalmente tocca terra in quel di Phoenix, con addirittura 10 minuti di anticipo.

Alle 17:00 ora locale abbiamo posato i nostri piedi (gonfi dal viaggio) sul suolo dello zio Sam.
Una coda infinita ci attende all'immigration, mentre una poliziotta cicciottella passa tra i passeggeri in paziente attesa con un Beagle che ci fa morir dal ridere.. flemmatico, scodinzola al rallentatore, cammina stile bradipo e persino quando viene premiato con un biscottino lo mastica svogliatissimo.. mitico!

Finalmente è il nostro turno.. ci prendono le impronte, ci fanno le foto e... ci fanno entrareee!

Prendiamo i bagagli e cerchiamo il banco della Dollar per ritirare l'auto. Scopriamo che si trova in un altro terminal e che dobbiamo prendere una navetta. No problem.. abbiamo fatto solo 13 ore di volo con le ginocchia in bocca... non saremo mica stanchi...noo!!

Usciamo quindi dall'aeroporto per cercare il bus.. e abbiamo il primo sconvolgente assaggio di quello che sarà la temperatura che ci aspetta qui nel selvaggio West.. da panico!

Passiamo accanto ad una sfilza di limousine che ci danno ulteriormente conferma di esser davvero giunti in America e immancabilmente ci immortaliamo accanto a tali americanate :)

Foto di rito con limousine


Foto di rito con limousine

Finalmente troviamo lo shuttle e giungiamo all'autonoleggio.. ovviamente la figura di merda non me la sono risparmiata, dovendo chiedere una demo su come cazz usare l’auto all'omino della Dollar, dopo aver scelto il bolide che ci piaceva di più.. una Ford Escape Rossa fiammante.. che mi ricorda tanto quella della indimenticabile avventura in Florida con Samantha :)

Tom e il bolide

Dopo un paio di dritte del tizio prendo subito padronanza col mezzo (ovviamente :)). Impostiamo il navigatore e...viaaa verso l'hotel! Per puro culo troviamo lungo la strada anche il negozio della T-Mobile, dove prendiamo una Sim Card e una tariffa prepagata stra-conveniente che ci permetterà di fare chiamate illimitate a mammà :)

Prendiamo un paio di panini confezionati e di schifezze in un distributore di benzina e ce ne andiamo verso il Knights Inn di Phoenix.......un hotel sul quale è meglio stendere un velo pietoso o...dargli fuoco!

Non vi dico la faccia di Beppe ahahah! Una bettola puzzolente di fumo, lurida e con le pareti di cartone.. piene di buchi.. ma nonostante lo schifo la stanchezza ha avuto il sopravvento e qualche ora siamo riusciti a ronfarcela :)

Il Knight Inn di Phoenix - Una bettola!

 

Ecco la photogallery completa di questa giornata: 

myFlickr

Loading...